Archivi del mese: Agosto 2018

Export FAQ numero 4: quanto è conosciuto il nostro brand a livello internazionale?

Le aziende che hanno già un’attività all’estero ma che vogliono espandere la loro presenza in altri mercati, o consolidare la loro strategia di internazionalizzazione, si pongono spesso una domanda riguardo al loro brand:

quanto è conosciuto il mio marchio a livello internazionale?

Un brand conosciuto facilita le attività di marketing e comunicazione, rende più facile entrare in contatto con nuovi clienti, e se è un brand apprezzato in qualche modo certifica la qualità e la validità dei miei prodotti.

Ma la risposta alla domanda sulla conoscenza del brand non deve essere data in modo semplicistico, basandosi magari su opinioni dei commerciali o dei clienti che abbiamo. Soprattutto per i mercati strategici sono necessarie delle ricerche di mercato specifiche che devono andare a investigare due aspetti:

quanto è conosciuto il mio brand, la cosiddetta awareness

quanto il mio brand è apprezzato, la reputazione

Questi sono due elementi basilari su cui poi andare a costruire la strategia di marketing e di comunicazione nei nuovi mercati.

Vuoi acquisire il metodo e gli strumenti per mettere in atto una strategia di internazionalizzazione veramente efficace?

Clicca il link qui sotto per accedere a un’offerta veramente eccezionale!

SCOPRI IL WORKSHOP GOABROAD©

 

 

 

Export FAQ numero 3: il nostro prodotto è adatto ai mercati esteri?

Un’altra fondamentale domanda che devono porsi le aziende per affrontare i mercati esteri riguarda il prodotto ed è questa:

quanto è adeguato il nostro prodotto per essere venduto sui mercati internazionali?

Sembra una domanda banale ma in realtà è piuttosto complessa.

Prima di tutto perché deve essere posta per ogni singolo paese nel quale si intende esportare o fare business.

In secondo luogo questa domanda richiede due tipologie di analisi.

Una da un punto di vista dei clienti, quindi rispetto alle loro esigenze e ai loro problemi: quanto è adatto il nostro prodotto a risolvere questi problemi e a risolvere queste esigenze, e come deve essere eventualmente modificato.

Il secondo tipo di analisi riguarda invece le regolamentazioni e gli standard che possono esistere in un paese, in materia per esempio di sicurezza. Dobbiamo verificare se il nostro prodotto può rispondere a questi standard o deve essere eventualmente adeguato.

Solamente facendo questo tipo di analisi possiamo evitare di incorrere in brutte sorprese una volta entrati in un nuovo mercato.

Vuoi acquisire il metodo e gli strumenti per mettere in atto una strategia di internazionalizzazione veramente efficace?

Clicca il link qui sotto per accedere a un’offerta veramente eccezionale!

SCOPRI IL WORKSHOP GOABROAD©

Export FAQ numero 2: la dimensione dell’azienda è in grado di supportare una strategia di internazionalizzazione?

Continuiamo con le nostre Export FAQ, le domande frequenti che si pongono le aziende riguardanti l’internazionalizzazione.

La seconda domanda che prendiamo in considerazione è:

la nostra azienda ha le dimensioni sufficienti per supportare una strategia sui mercati esteri?

In realtà le dimensioni aziendali, intese come volume di fatturato, non influiscono tanto sulla capacità di fare internazionalizzazione, quanto sulle modalità con cui verrà attuata questa strategia.

Per esempio un’azienda con un fatturato alto, una grande “potenza di fuoco” potrà considerare subito degli investimenti sui mercati esteri. Le aziende più piccole invece dovranno pensare a degli step intermedi per andare all’estero, iniziando per esempio con l’esportazione indiretta o diretta.

Un’altra considerazione che riguarda le dimensioni, è verificare per le aziende che già operano sui mercati esteri come il fatturato generato è ripartito fra i diversi mercati. Questo al fine di valutare come vengono effettivamente impiegate le proprie risorse, e cercare di mettere in atto una ripartizione più mirata all’importanza dei mercati.

Vuoi acquisire il metodo e gli strumenti per mettere in atto una strategia di internazionalizzazione veramente efficace?

Clicca il link qui sotto per accedere a un’offerta veramente eccezionale!

SCOPRI IL WORKSHOP GOABROAD©

Export FAQ numero 1: quanto è convinta la Proprietà dell’azienda a intraprendere una strategia di internazionalizzazione?

Inizio oggi una serie di post e di video sul tema internazionalizzazione che ho intitolato “Export FAQ”, dove l’acronimo FAQ come è risaputo sta per Frequently Asked Questions.

In questi post vorrei infatti cercare di dare in maniera molto sintetica delle risposte e degli spunti di riflessione in risposta alle principali domande che le aziende, soprattutto le PMI, si pongono o dovrebbero porsi in tema di internazionalizzazione.

Cominciamo dalla prima e basiliare domanda che è questa:

Quanto sono convinti la Proprietà e il Management dell’azienda ad intraprendere una strategia di internazionalizzazione?

Senza questa convinzione, questo commitment, l’azienda incontrerà sicuramente molte più difficoltà una volta che si presenteranno gli inevitabili problemi insiti nell’operare sui mercati esteri.

Prima di intraprendere una strategia di internazionalizzazione, è quindi necessario che chi guida l’azienda faccia una riflessione onesta e approfondita da questo punto di vista.

Questa riflessione servirà per stabilire se la Proprietà intende affrontare i mercati internazionali in modo strategico per una crescita organica dell’azienda, o se intende “andare all’estero” semplicemente per sfruttare le opportunità che via via si presentano.

Vuoi acquisire il metodo e gli strumenti per mettere in atto una strategia di internazionalizzazione veramente efficace?

Clicca il link qui sotto per accedere a un’offerta veramente eccezionale!

SCOPRI IL WORKSHOP GOABROAD©